Riscoprire l’arte di condividere la vita

Tra le tante esperienze che hanno segnato la mia vita e la mia vocazione, anche prima di entrare in convento, quelle vissute con i più poveri mi sono piaciute di più proprio perché mi hanno aiutato a condividere la bellezza: per es. andare per musei, ascoltare un concerto, avere uno scambio anche spontaneo davanti ad un quadro, piuttosto che nel giardino dove viviamo o durante le vacanze.

La vita diventa bella quando c’è voglia di conoscersi, di lasciarsi stupire e questo è ciò che posso fare con un buon numero di coloro che frequentano la mensa. Tutto ciò mi fa ringraziare il Signore e mi fa sentire felice delle possibilità che Lui mi dà, in contesti molto diversi: dal giardino di una zona un po’ di frontiera, in cui si incontrano alcune difficoltà, al Teatro alla Scala di Milano o al museo del Cenacolo davanti alla bellezza dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci. 

Ogni giornata in mensa richiede molta organizzazione per offrire un pasto caldo, una doccia o un abito, ma a me, come ai volontari che mi aiutano, è chiesto soprattutto di metterci nei panni degli altri, negli occhi degli altri, per accogliere tutti fraternamente, senza usare “etichette” come farebbe Gesù.

Anche se il mio ruolo è quello di responsabile del Centro, niente mi impedisce di condividere la bellezza della vita anche nelle cose più pratiche, stando accanto a chi mi chiede una mano nel bisogno: in tutto questo impegno, comunque, ciò che mi da forza è il poter coltivare una relazione profonda con ogni persona che mi regala la propria storia, fatta di problemi, ma anche di sogni e desideri, che io porto volentieri a Dio nella mia preghiera quotidiana. 

E’ bello prendersi cura dell’altro, ma è anche un rischio perché porta a fare i conti con il proprio limite, che solo la fede nel Signore Gesù aiuta ad accettare come opportunità: infatti, quando mi lascio guidare da Lui riesco ad aprire gli orizzonti e ad assumere il punto di vista dei poveri sul mondo, sulla storia, sul Vangelo.

Ho studiato storia dell’arte contemporanea e per me è stato importante scoprire, a posteriori, che anche questa formazione mi è stata utile per la vita in fraternità e in un servizio come questo, che mi fa incontrare un’umanità a volte addolorata, a volte sfregiata, ma pur sempre capace di trasmettere un messaggio, una provocazione e oserei dire una bellezza, che spesso bisogna andare a cercare.

Proprio come accade quando si guarda un’opera d’arte!

fr. Carlo Cavallari

Fra Carlo

Si occupa dell’organizzazione e gestione del Centro Sant'Antonio di Milano, dove vive il suo ruolo di responsabile del servizio di carità condividendo la vita di fraternità con i poveri che diventano annuncio del Vangelo, con i volontari e i frati che incarnano il messaggio di San Francesco.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte della Provincia S. Antonio dei Frati Minori. INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi